Pinot Noir a Napoli

kiwi.jpg

Qui e qui il resoconto della degustazione di pinot noir di Borgogna tenutasi a Napoli, presso l’enoteca Divino in vigna, organizzata dall’AIS e guidata da Fabio Cimmino. Il vostro pennuto neozelandese era presente.

Qui di seguito le note sui singoli vini. Per l’introduzione, invece, rimando ai link sopra evidenziati.

Morey Saint Denis Clos Solon 2004 – Fourrier:

Colore rubino brillante e trasparente. Al naso è il più diretto: frutto pieno e prevaricante, godibile ora, senza particolari nuance che gli conferissero una gran complessità: lampone, ciliegia, note di tostatura. Tuttavia questa semplicità lo renderebbe particolarmente duttile col cibo. Al palato sorprende un’acidità pungente, appena fuori registro e discorde dal naso dolce, facendolo rapidamente recedere.

Vosne-Romanee 2004 – Mugneret Gibourg:

Che a Vosne Romanée tutto ruoti quasi esclusivamente intorno ai gran cru lo si può immaginare. Questo village infatti finisce con l’essere il più ‘povero’ dei 5 vini in degustazione. All?aspetto è molto prossimo al precedente. Al naso è impreciso, con frutto in primo piano e venature vegetali. Al palato è meno dinamico, in una sorta di limbo che non lo vede schierato né dalla parte della sottigliezza, né da quella della complessità. Chiude troppo frettoloso. Lieviti indigeni.

 Volnay Santenots 1er Cru 2004 – Roble Monnet:

Da Volnay questo biodinamico che già agli occhi esibisce un abbigliamento diverso dagli altri: più cupo e carico nel suo rubino. Nel bicchiere è la quintessenza della mutevolezza. Meno preciso al naso sulle prime (vagamente animale), vive di un corredo fruttato intenso, sottobosco e una ricchezza di sfumature che vira verso la mediterraneità. All’improvviso esplode in note di caffè e carrubo, per poi chiudersi in un silenzio solo passeggero. Si aprirà su nuance minerali e sfumature terziarie che gli conferiscono un bonus di complessità. Al palato è reattivo, appena più caldo degli altri, ma non per questo più scontato. Se non è del tutto equilibrato è di sicuro il più originale dei 5.

Gevrey Chambertin 1er Cru Petite Chapelle 2004 – Rossignol -Trapet:

Bello nella sua veste rubino intenso, è al naso che affascina per precisione e ricchezza di sfumature: una volta ossigenato vive su una balsamicità freschissima (menta, anice stellato), con ritorni di sottobosco ed erbe. In bocca è rilassato, ma complesso, stratificato, e di buon equilibrio tra il tono carezzevole e le percettibili acidità e mineralità: è imprevedibile da metà lingua in avanti, dove avanza come una risacca che rinnova le sue onde. È il preferito della sala.

 Pommard 1er Cru Les Rugiens 2004 – Voillot:

Il più trasparente, a dispetto della fama dei Pommard che attribuisce loro la palma dei più ‘bordolesi’ tra i borgognoni. L’architettura, tuttavia, smentisce il visivo. Già al naso, infatti, è tremendamente sui generis e più austero: dopo un’acidità volatile che incupisce il registro, va definendosi un frutto che trascina una striatura ferrosa: dalla ruggine all’emoglobina, in seguito accompagnate da toni balsamici. Vive sul minerale, ma sconta la sua giovinezza specialmente al palato, dove il tannino si mostra ancora asciugante e l’acidità è ancora indomita. Chiude sfumando, ma anche questo potrebbe essere un peccato di gioventù. È il più difficile e austero, da risentire negli anni, ma forse per questo il più emozionante.

 

Kiwi kiwi a tutti

Annunci
Published in: on 25/03/2008 at 4:41 pm  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://divinoscrivere.wordpress.com/2008/03/25/30/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: