I vini dell’anno 2008

pc310002

Non è una classifica, ma sono segnalazioni alla rinfusa e non si tratta necessariamente dei migliori vini, ma di quelli che assaggiati in un particolare contesto, in quel momento, ci hanno particolarmente emozionato. È solo un caso che vi sia solo un accenno a spumanti e vini dolci e nessuno per i rosati. In realtà ci sarebbe un magnifico Champagne Rosé di cui, però, sciaguratamente non abbiamo trascritto né il produttore né l’annata. Alas! Dal momento che abbiamo deciso di non annoverare vini assaggiati nelle fiere o campioni di botte, mancano bicchieri che ci avevano particolarmente colpito all’assaggio (per esempio uno Sherry Pedro Ximenez dall’età inquantificabile o il calabrese Moscato di Saracena delle Cantine Viola per i dolci, e due franciacortini davvero commoventi dell’azienda Il Pendio di Gigi Balestra). Troverete molti barolo tra i rossi (o meglio, solo barolo con qualche eccezione): non vogliatecene, ma è evidente che nelle Langhe si beva superbamente (e nell’annata 2004, di cui abbiamo avuto modo di bere molti barolo, ci sono solo grandi vini). Tra i rossi manca un campione assoluto di cui però abbiamo bevuto un bicchiere durante una fiera: il Cirò Riserva Duca San Felice di Librandi 2004, un vero fuoriclasse, un segnale chiaro da una regione spesso bistrattata e misconosciuta, ma che vanta nel gaglioppo un protagonista non secondario dei grandi vitigni a bacca rossa italiani.

Tra i bianchi c’è una sostanziale parità tra Campania e Friuli Venezia Giulia (in verità su queste due regioni ci siamo soffermati di più durante l’anno, anche per una nostra naturale predisposizione e accoglienza nei confronti delle tipologie e dei vitigni che queste due aree italiane esprimono), a dimostrazione del livello qualitativo altissimo raggiunto da queste due regioni, specie in aziende piccole in crescita. I fiano d’Avellino segnalati sono ben 3. Non è una forzatura: si tratta semplicemente di uno dei vini che maggiormente sta impressionando per continuità di risultati e per serietà di aziende che pian piano si impongono, seppure con numeri limitati. La fortuna, poi, di assaggiare annate più vecchie ci dice senza esitazione della nobiltà di questo vino-vitigno.

 

Vini rossi

 

Brunello di Montalcino Riserva Case Basse Soldera 1999

Taurasi Riserva Mastroberardino 1985

Barolo Vigna San Giuseppe Riserva Cavallotto 1999

Barolo Brunate Le Coste Rinaldi Giuseppe 2004

Outis Biondi 2004

Barolo Bartolo Mascarello 2004

Nobile di Montepulciano Riserva Crociani 2004

Barolo Arione Gigi Rosso 2004

Barolo Cascina Francia Giacomo Conterno 2004

Gran Cru Chapelle Chambertin Rossignol Trapet 2004

Barolo Monprivato Giuseppe Mascarello 2003

 

 

Vini Bianchi

 

Fiano Clelia Romano Colli di Lapio 2004

Fiano Pietramara I Favati 2004

Fiano Vigna della Congregazione Villa Diamante 2004

Adam Cantina Giardino 2006

Kaplja Damjian Podversic 2003

Trebbiano Valentini 1998

Chambave Muscat La Crotta di Vegneron 2006

Trebez Dario Princic 2003

Friulano Tocai Edi Keber 2007

Malvasia Skerk 2005

Ribolla Anfora Gravner 2001

 

Vini Dolci

 

De Miranda Asti Spumante Metodo Classico 2004

 

Vini Spumanti

 

Dosage Zero Cà del Bosco 2002

Annunci
Published in: on 01/01/2009 at 2:20 pm  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://divinoscrivere.wordpress.com/2009/01/01/i-vini-dellanno-2008/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: