Terre di vite: poesia #1

Luigi Metropoli dell’Ass. Culturale Divino Scrivere ha curato il percorso poetico all’interno dell’evento Terre di Vite

selezionando otto poeti ai quali ha chiesto di scrivere un inedito a tema che verrà presentato il 7 Novembre.

In questi giorni, sul nostro blog, Metropoli presenta gli otto poeti.

(Barbara B.)

logo terre di vite 

 

 

Adriano Padua

persevera la notte a farsi breve

per fasi si consuma in lievi lune

sparge versi catodici a gragnuole

verbi come potere e idiomi idioti

la polvere dell’odio e dell’oblio

piove dal basso cielo a mezzi termini

sulla metropoli tra i suoi perimetri

a spegnere le luci artificiali

è l’ora in cui i sospiri si decifrano

fissando a testo frasi ed afasie

in tracce d’anidride che consumano

cerimoniali stasi d’apoetiche

altre parole in sonno sulle labbra

degenerate a vuoto quotidiano

parole contro norma ed armonia

espresse senza forma né spessore

anomale colando come siero

dagli esiti esitanti del pensiero

disgregano nel magma del semantico

al culmine della tensione intensa

di suoni e segni a dilatarsi in verso

ed oltre le normali variazioni

cromatiche del giorno e della notte

nei luoghi marginali all’universo

teatri del silenzio della luce

che s’infinisce cieca ed imminente

il mondo si dissolve in processioni

di astri in morte verso l’occidente

(da La presenza del vedere, 2009)

Il tu identificato insomma dalla sua «forte femmina fame di rime» vigila nell’eterna notte elettrica di Radiazioni come fosse piuttosto pronto a rispondere all’appello: la città, deserta e viva di morte com’è, fa già a meno di lui che, magari a causa dei lunghi tempi d’esposizione, nemmeno impressiona la pellicola, e la minaccia quasi prossima che lo individua come «assenza» non fa di lui un guerriero (come potrebbe indossare armi se nemmeno riesce a sostanziarsi un corpo?) ma lo mostra da sùbito per quello che è: un reduce («la notte è un aspettare nel conflitto le sconfitte che ci spettano»). Tutto resta sospeso, in attesa di quanto è imminente, certo, e questa imminenza incendiaria finisce persino che se la smangia tutta, la forma del verso, se quanto residua dal cardiopalma del poemetto che dà il titolo alla raccolta è infine «l’andamento deciso del taglio» con cui Padua, dopo i sonetti variamente corrosi dall’algido lessico di Meccaniche (tutti rugginosi «di rime nella mescola rimaste / intrise d’italiano tecnologico»), congeda il procedimento. L’imminenza allora, questo stato d’attesa allarmato, intacca persino il periodo.

(G. Frasca)

È un mondo apocalittico quello in cui si aggirano queste voci che sembrano essersi liberate del soggetto. C’è ben poco che faccia pensare alla presenza dell’uomo per le strade metalliche e lo stesso sguardo, che si muove per quei luoghi, appartiene più a un essere spersonalizzato che a un vero e proprio reduce del genere umano. Tuttavia questo che i versi di Padua ci stanno mostrando è il nostro mondo, una costruzione che sta in piedi per neutralizzazioni progressive di contrari e abolizione della spontaneità: «quello che non accade è poesia/ indistinguibile da tutto il resto», in un continuo rovesciamento di prospettive che impedisce di porre punti fermi. Non è detto tuttavia che questa messa in scena poetica non possa essere, come scrive Vaneigem, «l’imbuto in cui si riversa[no] le infinite banalità, la notevole importanza zero del mondo», quell’imbuto capace di donare, come per un processo alchemico, nuova linfa a una materia inerte, tale che «dall’altro lato tutto [esce] trasformato, originale, nuovo». Del resto, scuotendo la grammatica e il ritmo fino a farne un rantolo (ripensato dall’interno di gabbie metriche ben congegnate) l’autore intende scuotere anche la terra.

(L. Metropoli)

Annunci
Published in: on 30/10/2009 at 3:09 am  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://divinoscrivere.wordpress.com/2009/10/30/terre-di-vite-poesia-1/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: