Modena, dedicata a Sanguineti “Poesie della fine del mondo”

La due giorni poetica che si svolgerà il 29 e il 30 maggio in piazza XX settembre a Modena con il titolo delfiniano “Poesie della fine del mondo” sarà dedicata a Edoardo Sanguineti.

Il poeta dell’avanguardia, autore teatrale, saggista e critico morto pochi giorni fa all’età di 79 anni a Genova aveva tenuto a battesimo il “Poesia festival” delle Terre di Castelli e non aveva mai fatto mancare la sua vicinanza e attenzione. Ora che quel festival vede un’anteprima nel capoluogo, con la partecipazione di 14 tra i maggiori poeti italiani, la scelta di dedicare a lui l’iniziativa è stata immediatamente decisa dagli organizzatori: l’assessore alla Cultura del Comune di Modena Roberto Alperoli e Alberto Bertoni, poeta e docente ad Italianistica all’Università di Bologna.“Il nome di Edoardo Sanguineti – racconta Bertoni – era stato proprio il primo al quale avevamo pensato tra quelli da invitare a ‘Poesie della fine del mondo’ perché incarnava, oltre a quella del poeta, la figura dell’intellettuale di fine ‘900. Con il suo recente ‘Ritratto del Novecento’ ha realizzato anche la sintesi perfetta di quella interazione tra le arti, fotografia e cinema compresi, che è stato uno dei tratti caratteristici e vitali del secolo scorso. Come poeta ha rappresentato una voce originalissima, tanto sul piano formale con la sua appartenenza alla neoavanguardia, quanto su quello conoscitivo, per la sua capacità di trasformare la vita quotidiana dell’individuo in esperienza metafisica”.

Anche Roberto Alperoli, assessore comunale alla Cultura, conferma che il progetto della due giorni poetica di piazza XX settembre era nato con la convinzione che anche Edoardo Sanguineti avrebbe partecipato.

“Quando spiegavo che cosa sarebbe stato ‘Poesie della fine del mondo’ – ricorda Alperoli – al momento di citare i tanti poeti ospiti eccellenti, iniziavo sempre dicendo che purtroppo Sanguineti non avrebbe potuto esserci. Quando ho appreso la notizia della sua morte ho provato una fitta di dolore. Per me Edoardo Sanguineti – prosegue l’assessore – era la quintessenza stessa della poesia, l’immagine e la sostanza. La sua figura e il suo corpo avevano un’aura suggestiva. Ricordo che inaugurò la prima edizione del ‘Poesia festival’ davanti a una piazza gremita e lui, così esile e così potente, la riempì di emozioni. Se c’è stata una persona, a mio parere, avvicinabile a Pier Paolo Pasolini nella sua dimensione di intellettuale totale, quella persona è proprio Sanguineti, con la sua poesia che era leva e motore di pensiero e di conoscenza”.

Programma

sabato 29 maggio

dalle ore 18.00
saluti di Andrea Landi e Giorgio Pighi

Patrizia Cavalli
Emilio Rentocchini
Rosita Copioli

dalle ore 21.00

Biancamaria Frabotta
Maurizio Cucchi
Mariangela Gualtieri
Nanni Balestrini

domenica 30 maggio

dalle ore 18.00
Giusi Quarenghi
Gianni D’Elia e Claudio Lolli
accompagnati alla chitarra da Paolo Capodacqua

dalle ore 21.00
Giuseppe Conte
Milo De Angelis
Valerio Magrelli
Alberto Bevilacqua


Interventi musicali di:

Lucio Bruni (pianoforte)

Ivan Valentini (sassofono)

Lara Luppi (voce)

Sandra Cartolari (voce)

 
Published in: on 22/05/2010 at 4:44 pm  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://divinoscrivere.wordpress.com/2010/05/22/modena-dedicata-a-sanguineti-%e2%80%9cpoesie-della-fine-del-mondo%e2%80%9d/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: