Aspettando Terre di Vite…Interviste ai produttori: Elena Conti

Barbara Brandoli, propone un percorso di avvicinamento all’evento Terre di Vite che si terrà nel prossimo autunno (luogo e data in via di definizione). Le interviste (forma scelta per dare voce agli interlocutori)  toccheranno per l’appunto svariati aspetti del tema prescelto (multicultura e intercultura).  Partendo dalle parole di un giornalista fotoreporter che vive in Vietnam, passando tra quelle di studiosi di letteratura italiana e straniera, arrivando al dialogo con giovani musicisti, ascoltando i produttori svelare un lato curioso e poco visitato della materia, si cercherà di invitare il lettore prima, e il partecipante all’evento poi, a riflessioni, considerazioni e a tutta la mole di pensieri che un trattato come la multiculturalità e/o l’interculturalità possono e sanno generare in noi.  

Elena Conti a Terre di Vite

 

Intervista a Elena Conti:  

 1) Parlando di multi cultura ci interessa sapere come il tuo vino è percepito fuori dai confini del nostro paese, come viene interpretato nelle varie nazioni ove tu esporti, come è valorizzato e se è promosso in maniera migliore e più completa rispetto all’Italia. 

Sia negli Stati Uniti che in Europa, in particolare in Francia, il nostro vino ha avuto un’accoglienza che non immaginavamo, libera da pregiudizi e concentrata solo sul valore intrinseco del vino. In questo caso ben si è adeguata la frase di  Mark Twain “Viaggiare è fatale ai pregiudizi” facendo vedere o meglio, nello specifico, “gustare” le cose per quello che sono. E, conseguentemente, anche la promozione ne ha beneficiato, ottenendo consensi e apprezzamenti che a volte, nel nostro territorio d’origine si fatica ad ottenere. 

2) Siccome a noi di Divino Scrivere piace vedere anche il lato ironico di ogni argomento sviluppato, raccontaci d’un aneddoto i cui protagonisti sono stati clienti stranieri e d’un abbinamento bizzarro ed insolito fatto con il vino di tua produzione. 

 
A San Francisco la longevità del Boca ha stimolato, da parte di un
ristoratore, la creazione della “Carta della Pazienza”, una raccolta di vini internazionali che “non hanno fretta” e che danno il meglio di loro nel tempo. Un invito a riconciliarsi con il significato profondo del termine, non solo a tavola. 

 

*Cantine del castello Conti 

Via Borgomanero 15  – Maggiora- (No) 

www.castelloconti.it  email:  info@castelloconti.it 

(Lo staff di Terre di Vite ringrazia Elena, Paola ed Anna Conti)

Annunci
Published in: on 14/06/2010 at 1:27 pm  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://divinoscrivere.wordpress.com/2010/06/14/aspettando-terre-di-vite-interviste-ai-produttori-elena-conti/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: